Descrizione

La tesi più credibile è quella che considera l’uva Favorita, così come il Pigato ligure, identica al Vermentino sardo e fa rientrare le diverse caratteristiche morfologiche nei casi di variabilità clonale all’interno della stessa cultivar. Un bianco da bere soprattutto in gioventù, i cui profumi riportano alla mente la pesca bianca, i fiori gialli, la nespola, agrumi verdi e salvia. Il palato, decisamente fresco e sapido, ricalca la medesima impronta aromatica e si chiude con un finale di bocca ammandorlato, piacevole ma non molto esteso; accompagna prevalentemente i piatti semplici a base di pesce e di carni bianche e come piace molto a noi le verdure di stagione cotte in wok.